Accogliamo con grande piacere la decisione di rinviare l’Automechanika di Francoforte al prossimo anno. “Se l’evento si svolgesse all’inizio di settembre, molti espositori dovrebbero entrare immediatamente nella critica fase di pianificazione. Questo comporterebbe loro costi elevati in termini di personale e di realizzazione degli stand. Pertanto, un rinvio offre a tutti i soggetti coinvolti l’affidabilità di pianificazione essenziale in questa situazione particolare e dimostra quanto la Fiera di Francoforte sia consapevole dei rischi economici che gli espositori devono affrontare”, spiega Christian Müller, Vice President Marketing di TecAlliance.

Müller ritiene che rinviare l’evento al 2021 consentirà agli espositori e alla stessa Automechanika di ripensare il proprio approccio. Nell’attuale situazione, in molti settori lo sviluppo è stato accelerato dalla digitalizzazione. Anche nel campo degli eventi sono state introdotte delle strategie per raggiungere “in remoto” il pubblico in tutto il mondo. “L’aftermarket automobilistico è preparato a questa evoluzione e molte menti creative presenteranno in futuro concetti interessanti. La stessa Automechanika dovrà reinventarsi in alcuni aspetti e riposizionarsi per conformarsi alla “nuova realtà”. Sarebbe auspicabile un dialogo creativo con il settore, che includa gli espositori nel processo di pianificazione”, afferma Müller.

Secondo il responsabile marketing di TecAlliance, i grandi eventi “fisici” dovranno diventare più “digitali”. Sostiene infatti che, nel settore tecnologico, le grandi fiere vengano utilizzate principalmente come piattaforma per raggiungere un pubblico globale tramite canali digitali. A tale scopo, soprattutto le aziende più piccole che non dispongono del know-how tecnico potrebbero essere supportate con un’infrastruttura adeguata in loco. “In futuro prevarranno gli eventi in grado di offrire la migliore piattaforma per la comunicazione globale. In questo senso, il settore dovrà mostrare una certa apertura e cercare di integrare player di altri settori che si intersechino con l’automotive aftermarket. Andranno maggiormente considerati anche i concetti di event in event per le presentazioni di prodotto, evitando alle imprese di dover organizzare sempre più eventi propri. Noi riteniamo che l’Automechanika di Francoforte continuerà ad essere l’evento di spicco del settore a livello globale per il prossimo anno e intendiamo proseguire lo sviluppo del nostro concetto fieristico per presentarci in modo adeguato come gateway tecnologico per l’aftermarket automobilistico”, sostiene Müller.

TecAlliance propone già molti eventi digitali per l’intera gamma di prodotti e continuerà ad ampliare l’offerta a seguito della pandemia del coronavirus. Anche per il “Global Data Supplier Award”, con cui si puntava a premiare il miglior fornitore di dati certificato all’Automechanika di Francoforte, stiamo lavorando ad un concetto di evento puramente virtuale.